L’arcipelago delle Maldive è situato in mezzo all’oceano indiano in prossimità dell’equatore a sud ovest dell’india, dove centinaia di isole e barriere coralline creano alcune tra le onde più belle del mondo.

Temperatura esterna stabile tutto l’anno fra 28 e 30 gradi, onde glassy precise e cristalline fanno di queste isole una vera e propria giostra acquatica.

Surfisticamente parlando il periodo migliore (se proprio di periodo migliore vogliamo parlare) va da marzo a novembre quando il monsone spira da sud ovest.Durante questi mesi molti surfisti decidono di progettare un surf trip in queste isole. Allo stesso tempo sono i mesi in cui si possono trovare più persone sul picco ma parlare di affollamento alle Maldive è fuori luogo in quanto è difficile trovare più di 15 persone sullo stesso spot. Nei mesi di luglio agosto le onde possono arrivare fino a 4 metri con venti leggeri onshore. La temperature dell’acqua rimane costante tutto l’anno sui 28 gradi.

Nei mesi invece che vanno da marzo a ottobre il monsone soffia da nord ovest (stagione secca). In questo periodo le piogge sono rarissime ed estremamente brevi, le swell sono meno consistenti ma non per questo meno frequenti. Va ricordato che siamo nel bel mezzo dell’oceano indiano quindi non c’è da meravigliarsi a visioni idilliache di 1 metro e mezzo liscio e cristallino con pochissime persone in acqua. Nelle giornate in cui il cielo è velato per totale assenza di vento si fa fatica a distinguere le onde in quanto diventano un unica cosa con il grigiore del cielo. Questi mesi sono considerati mesi di bassa stagione per molte guide di surf ma in realtà in queste isole si può fare surf tutto l’anno. Ovviamente i giorni di piatta ci sono ma quale occasione migliore per apprezzare questa natura incontaminata facendo snorkeling o semplicemente rilassandosi sotto una palma di fronte allo spettacolo che solo queste isole sanno offrire?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *